Main Menu


 

Il Condominio

Il condominio è un insieme di unità immobiliari e la cui gestione è regolata dall'ordinamento giuridico.

Condominio è l'insieme di unità immobiliari di proprietà di persone differenti all'interno di uno stesso stabile; tali persone sono comproprietarie di tutte le parti comuni: scale, sottotetto, giardino, facciate, muri maestri, ecc. ; il condominio è regolato dal codice civile agli articoli 1117 c.c., 1118 c.c. e dalla Legge 220/2012 .

Gli organi del condominio sono due: amministratore e assemblea ; l'amministratore non deve avere iscrizioni ad albi particolari, deve avere però i seguenti requisiti: godere dei diritti civili, non essere stato condannato per reati contro la pubblica amministrazione, non essere interdetto, non risultare nelle liste dei protesti, avere un diploma di scuola superiore, che abbia frequentato un corso di formazione per amministrazione condominiale; l'assemblea è costituita dai proprietari delle unità immobiliari.

Secondo l'ordinamento giuridico, le spese relative alle parti comuni vanno suddivise fra i condomini; esse si distinguono in: spese ordinarie (la pulizia delle scale, giardino, ascensore, illuminazione, riscaldamento) e spese straordinarie (manutenzione o ristrutturazione del tetto o della facciata, terrazzi o altro).

Se le unità immobiliari sono affittate, le spese ordinarie, salvo differente clausola nel contratto d'affitto, sono a carico del locatario, mentre le spese straordinarie sono a carico del proprietario.

Ogni condominio dovrebbe avere una tabella millesimale, che rappresenta le quote di proprietà all'interno del condominio ed è calcolato fra il valore di ogni unità e il valore dell'intero stabile; le varie spese sono ripartite fra i condomini secondo la tabella dei millesimali.

Solitamente ogni condominio stila e approva, in assemblea, un regolamento (obbligatorio se vi sono più di 10 condomini) che è una legge interna e tutti devono rispettarlo per mantenere un equilibrato quieto vivere; l'amministratore ha la facoltà, senza interpellare l'assemblea, di assegnare sanzioni amministrative di un importo fisso di euro 100,00 - a chi non rispetta il regolamento; può anche chiedere al giudice decreti ingiuntivi di pagamento che saranno immediatamente esecutivi, contro condomini morosi o che si rifiutano di pagare spese per ristrutturazione di parti comuni approvate dall'assemblea.

Secondo la Sentenza dell'8/04/2008 della Corte di Cassazione, la responsabilità di quote mancanti, dovute da condomini morosi, è di tutti in base ai millesimi di proprietà, per cui vanno suddivise fra tutti morosi o meno.

Se l'amministratore non ha un comportamento consono e arreca danni , il condominio può denunciarlo e chiedere i danni derivati dal suo comportamento negligente.

Se i proprietari di uno stabile sono più di 8 è obbligatorio nominare un amministratore, non ci sono però sanzioni in caso di inadempienza, al massimo viene nominato un amministratore giudiziario dal tribunale anche su richiesta di un solo condomino; se i proprietari sono al massimo 4 si può procedere ad un autogestione.
Kaspersky Pure_160x90 Protezione avanzata per PC, Smartphon e Tablet Android! Pravolo Gratis per 30 giorni!

Tutte le informazioni contenute su questo sito sono a scopo informativo.
Il contenuto puo' non essere completo o corretto, e non intende sostituire consigli legali e/o professionali.
© 2007 - 2018 - All Rights Reserved InformazioniMutuo.com